Monday, February 19th, 2018

2° lezione di decision making da Aristotele

settembre 22, 2011 by  
Filed under Decision making, Primo piano

Mentre sto per postare queste frasi tratte dall’etica nicomachea un collega mi fa riflettere se applicabili anche al nostro contesto attuale dove tutti siamo chiamati a prendere decisioni in tempo breve con sovrabbondanza di dati, tanti strumenti, ecc.
Insomma mi chiedo e vi chiedo: oggi Aristotele sarebbe ascoltato o passerebbe per l’idealista che ti fa solo perdere tempo???
La risposta che mi sono dato è che è inutile correre se non sai verso dove ed Aristotele mi sta aiutando in questo.
Spero che questo breve stralcio dia anche a voi buoni spunti
Buona lettura
Tratto dall’Etica Nicomachea (le riflessioni in stampatello sono ovviamente personali…)
“La deliberazione ha luogo a proposito di quelle cose che per lo più si verificano in un certo modo, ma che non è chiaro come andranno a finire, cioè quelle in cui c’è indeterminatezza. ”

UN DECISION MAKER SI CONCENTRA SUI PROBLEMI NON STRUTTURATI OVVERO QUELLI DI CUI NON ESISTE UNA SOLUZIONE UNIVOCA (TRA QUESTI CI SONO SICURAMENTE QUELLI RELATIVI ALLA GESTIONE DI ALTRE PERSONE) RISOLVERE PROBLEMI STRUTTURATI NON E’ PRENDERE “UNA DECISIONE” MA VALORIZZARE DEL KNOWLEDGE SPECIALISTICO PER RISOLVERE UNA ISSUE SPECIFICA.

“Per le cose importanti prendiamo dei consiglieri, perché non ci fidiamo di noi stessi, ritenendo di non essere all’altezza di conoscerle adeguatamente. ”

ALTRO TRATTO CARETTERISTICO DI UN BUON DECISION MAKER: L’UMILTA’, OVVERO SAPER RICONOSCERE DI AVERE BISOGNO DEGLI ALTRI PER PRENDERE DETERMINATE DECISIONI

“Deliberiamo non sui fini, ma sui mezzi per raggiungerli.
Infatti un medico non delibera se debba guarire ne un oratore se debba persuadere, ne un politico se debba stabilire un buon governo, né alcun altro delibera sul fine. Ma una volta posto il fine esaminiamo in che modo e con quali mezzi questo potrà essere raggiunto e quando il fine può essere manifestatamente raggiunto con più mezzi, esaminiamo con quale sarà raggiunto nella maniera più facile e più bella; se il fine invece può essere raggiunto con un mezzo solo esaminiamo in che modo potrà essere raggiunto con questo mezzo e con quale altro mezzo si raggiungerà a sua volta il mezzo, finché non giungano alla causa prima, che nell’ordine della scoperta, è l’ultima.

PRIMA ANCORA DI CAPIRE L’OGGETTO DELLA DECISIONE DOBBIAMO CHIARIRE IL FINE ED AVERLO SEMPRE PRESENTE. QUANTO AIUTEREBBE RIBADIRE ALL’INIZIO DI OGNI SCELTA IMPORTANTE QUAL’E LO SCOPO PER CUI E’ NATA QUELLA AZIENDA, A QUALI VALORI SI ISPIRA, QUAL’E’ LO SCOPO CHE SI E’ DATO IL DECISION MAKER. UNA VOLTA DEFINITO E RIBADITO IL FINE SI E’ COME MEDICI CHE NON DELIBERANO SE O MENO GUARIRE IL PAZIENTE MA SI CONCENTRANO SU COME FARLO!
ULTIMA RIFLESSIONE RIGUARDA UN ALTRO ELEMENTO FONDANTE DEL DECISION MAKING: LA GENERAZIONE DELLE OPZIONI E LA LORO SCELTA. SE LO SCOPO (FINE) PUO’ ESSERE RAGGIUNTO IN PIU’ MODI ELENCHIAMOLI E SCEGLIAMO IL MEZZO BASANDOCI SU DEI CRITERI (IL BUON ARISTOTELE CI PARLA DI FACILITA’ E BELLEZZA COME CRITERI PORTANTI).

A presto la terza lezione…
Ugo Papagni

Comments

One Response to “2° lezione di decision making da Aristotele”
  1. Filippo palermo scrive:

    Caro Ugo.

    Si potrebbe, a leggere quanto scrivi, con un linguaggio un pò meno aulico, sintetizzare che tra i tanti onori di Aristotele ci sia anche l’origine del proverbio “chi non risica, non rosica”?

    Dove il “risicare” attiene alla capacità ed attitudine “dell’accettare il rischio” commisurato all’assunzione di una decisione, non scontata: caratteristica topica dell’imprenditore e/o leader, come chiaramente illustratoci anche al master media&Telco di settimana scorsa.

    Mentre il “rosicare” è la possibilità intrinseca alla decisione assunta nei tempi giusti di (rac)cogliere un risultato (osso), senza che l’attesa di avere tutti gli elementi ritenuti necessari ed esaustivi (per una decisione scontata?!?) faccia giungere in ritardo all’azione.

    Saluti

Speak Your Mind

Tell us what you're thinking...
and oh, if you want a pic to show with your comment, go get a gravatar!